top of page

RECENSIONE: Città di polvere (Hayley Scrivenor)




Autore: Hayley Scrivenor

Traduttore: Fabrizio Coppola

Editore: NN Editore, 2023

Pagine: 354

Genere: Narrativa straniera, Gialli

Prezzo: € 19.00 (cartaceo), € 8.99 (ebook)

Acquista: Libro, Ebook

Acquista sito editore: https://www.nneditore.it/libro/9791280284792


 

Trama

In un caldo pomeriggio di fine novembre, a Durton, Australia, la dodicenne Esther scompare mentre torna a casa da scuola, e la comunità della piccola cittadina sprofonda in un vortice di dubbi e dolore. La detective Sarah Michaels, donna queer in un mondo maschile e maschilista, viene inviata sul posto per indagare, e ben presto i sospetti cadono sul padre della ragazzina, Steven, un uomo affascinante dal passato controverso. La detective non è la sola a voler far luce sul caso: anche Ronnie, migliore amica di Esther, è determinata a scoprire la verità, ma si scontra con i segreti e le bugie delle persone intorno a lei, incapaci di sacrificare la propria reputazione in un ambiente dove tutti si conoscono e le voci si diffondono rapidamente. Con un sapiente gioco narrativo che alterna i punti di vista dei protagonisti a quello corale dei ragazzini, Hayley Scrivenor mette in scena un crime in cui lo sfondo sociale e ambientale determina le azioni dei personaggi, minando certezze e fiducia reciproca. Ma è proprio nel dolore che la comunità si ricompatta e fortifica, trovando nel perdono il sentimento più potente per aprirsi a un futuro diverso.


Recensione

Questo romanzo trasporta il letto nel 2001 a Durton, una cittadina rurale in cui la vita scorre placida e la comunità appare tranquilla perché ogni abitante conosce il proprio vicino e non vede minacce, fino al giorno in cui in un pomeriggio afoso di fine novembre la dodicenne Esther Bianchi non ritorna a casa dopo la scuola. Ronnie, che è la migliore amica di Esther, appena saputo della scomparsa, si mette in testa di ritrovare la ragazzina, perché la conosce e insieme hanno dei piccoli segreti.


La storia ripercorre lentamente i giorni successivi alla scomparsa, cambiando continuamente punto di vista. Ogni capitolo ha infatti come protagonista, oltre a Ronnie, un diverso attore nella vicenda, da Costance,che è la madre di Esther, a Sarah, la detective incaricata del caso, donna queer con problemi amorosi, a Lewis, l’amico che per ultimo ha visto Esther.


La narrazione si svolge in alcuni casi in prima persona e in altri in terza, ma la prospettiva più originale è quella contraddistinta dalla terza persona plurale dei capitoli intitolati "Noi”: in questi lo sguardo diventa corale e i ragazzini della città parlano con profondità di ciò che vedono intorno a loro.


L'autrice scava nei personaggi, ne rivela il passato e cosa li ha portati a essere quello che sono in quel momento a Durton, la città di polvere. Scorrendo le pagine si sopre perché Constance, che è una donna di città, si è ritrovata a vivere in un posto lontano da tutto, ma con a fianco Steve, un marito italiano affascinante che in un attimo le diventa estraneo quando nella sua macchina viene ritrovata una scarpa della figlia.


Il contesto sociale ha una parte fondamentale nella vicenda e influenza l’agire di ogni personaggio, un microcosmo in cui si viene giudicati per ogni azione e in cui si tende a nascondere la verità sotto una falsa facciata amichevole.


Questo esordio cela misteri, racconta di una città in cui nessuno è esente dall’errore, che piccolo o grande che sia viene comunque negato, camuffato e sospinto, come la polvere sotto al tappeto, in un luogo in cui si possa dimenticare. Tutti hanno segreti e intime recriminazioni.


L'autrice, al suo esordio, scrive una storia che cattura da subito e che porta rapidamente all’ultima pagina spinti dalla speranza e dalla curiosità sul destino di tutti i personaggi.

Il linguaggio risulta molto vario, a seconda del narratore introdotto dall’autrice. La suspence risulta ben dosata in ogni capitolo. La polvere che ricopre idealmente Durton diventa quasi tangibile grazie all’abile penna della scrittrice.


Un ottimo libro che consiglio a tutti gli amanti dei gialli/thriller che riguardano piccole realtà.


 

Alcune note su Hayley Scrivenor

Hayley Scrivenor è un’autrice australiana, ricercatrice in Scrittura creativa presso la Wollongong University ed ex direttrice del Writers Festival locale. Best seller in Australia, Città di polvere è il suo romanzo d’esordio che, prima di essere pubblicato, ha vinto il KYD Unpublished Manuscript Award ed è stato selezionato per il Penguin Literary Prize.


TAG: #narrativa_straniera, #gialli, #fabrizio_coppola, #hayley_scrivenor, #voto_cinque

bottom of page