RECENSIONE: Sempre c'è un domani. Memories (Antonella Carullo)



Voto: 3.5/5

Autore: Antonella Carullo

Editore: Autopubblicato, 2021

Pagine: 154

Genere: Narrativa italiana, Narrativa moderna e contemporanea, Fantascienza

Prezzo: € 7.99 (cartaceo), 1.99 (ebook)

Acquista: Libro, Ebook


 

Trama

Se bastasse entrare in un luna park, vincere alla ruota della fortuna e bere un bicchiere di vino molto speciale per viaggiare nel tempo e nello spazio, lo faresti?

Antonella non ha avuto scelta e si è trovata catapultata in un mondo e in una dimensione a lei del tutto sconosciuti. Ma c’è un uomo al suo fianco che le vuole molto bene e che desidera raccontarle la sua storia. Prima, però, lui stesso dovrà affrontare un duro addestramento e delle prove letali per conquistare la fiducia di Akna e del suo popolo. Un popolo che ha rischiato già una volta di estinguersi e che ora è di nuovo in pericolo.

Un viaggio nel passato e uno nel futuro, un incontro, una sfida e la voglia di non dimenticare mai. Perché, alla fine dei conti, i ricordi sono tutto quello che resta.


Recensione

Questo libro è il seguito di Chi ama non dimentica (https://www.dallacartalloschermo.com/post/recensione-chi-ama-non-dimentica-memories-antonella-carullo) di Antonella Carullo. Entrambi i volumi fanno parte della serie Memories.

Un libro, questo, che spiazza. Solitamente da una serie mi aspetto una certa continuità nella trama. Qui non succede e, in aggiunta a ciò, il genere vara verso il fantasy. Genere che personalmente fatico a leggere.

Nel primo volume, il lettore, fa la conoscenza di Antonella Caruso e dei suoi famigliari. Questa nuova opera vede come protagonista Antonella a Gragnano, paese degli avi, la sera della festa di San Sebastiano, patrono della città. Nella piazza principale è stato allestito un grande Luna Park e una lotteria che permette al vincitore di ammirare i cieli grazie ad una navicella. L’incontro con una persona misteriosa permette di traslare il tutto in un mondo distopico, Davel, lontano anni luce dal nostro pianeta Terra, abitato da un popolo a rischio di estinzione. Nonostante la trama che, per il sottoscritto, risulta bizzarra, la lettura comunque appare scorrevole. Elementi comuni fra i due romanzi sono la famiglia, gli affetti famigliare e il loro ricordo.

Curiosa la scelta dell’autrice di ricordare il grande calciatore Diego Armando Maradona.

Un libro che consiglio a coloro che si trovano a proprio agio con il genere fantasy e che cercano una serie che, sicuramente, spiazza il lettore


Alcune note su Antonella Carullo

Antonietta Carullo, da sempre chiamata Antonella, è nata a Napoli il 13 novembre 1963; attualmente è in servizio all’Agenzia delle Dogane e Monopoli. Ultima figlia di Giuseppe Carullo, poeta, scrittore, giornalista, autore di canzoni e riviste per l’avanspettacolo, ha pubblicato due raccolte di poesie paterne: Le stagioni del poeta (2015) e Nustalgia (2019). Esordisce come scrittrice nel 2016 vincendo, per la narrativa, il Premio Città di Napoli -Memorial Libero Bovio.


TAG: #narrativa_italiana, #narrativa_moderna_contemporanea, #fantascienza, #antonella_carullo, #voto_tre_mezzo