RECENSIONE: Dio c'è ed è bellissimo. L'annuncio di Gesù (Paolo Curtaz)




Autore: Paolo Curtaz

Editore: Piemme, 2022

Pagine: 199

Genere: Narrativa italiana, Religione

Prezzo: € 15.90 (cartaceo), € 9.99 (ebook)

Acquista: Libro, Ebook


 

Trama

Tutti abbiamo un'idea di Dio, un'idea costruita a partire dal nostro carattere, dalla nostra esperienza, dall'ambiente in cui siamo cresciuti. E tanti di noi tendono a proiettare su Dio i loro bisogni e le loro speranze, o a chiamarlo in causa per le ingiustizie e le sofferenze che subiscono o colpiscono gli innocenti. Chi è dunque il Dio in cui crediamo (o non crediamo)? È la domanda che Paolo Curtaz ci pone in queste pagine, invitandoci a mettere fra parentesi tutto ciò che crediamo di credere per cercare di conoscere il Dio che Gesù racconta nei Vangeli. In una sorta di introduzione al cristianesimo, amichevole e ricca di umorismo, il teologo ci mostra, ripercorrendo i testi biblici, come liberare la testa da vecchie e asfittiche convinzioni religiose, imparare ad ascoltare la testimonianza evangelica, cercare con costanza, nella nostra vita, quel tesoro nascosto che è la presenza di Dio. Chi accoglie la prospettiva di Gesù incontra un Padre che lo ama e lo rende capace di amare, lo fa partecipe di un grande progetto d'amore, gli apre le porte su una vita più autentica, gioiosa, intensa.


Recensione

Il libro che vado sto per recensire oggi ha come argomento la teologia. Lo scrittore, mio conterraneo, è stato ordinato sacerdote nel 1990 per poi lasciare il ministero sacerdotale ne 2007 e dedicarsi completamente alla evangelizzazione. Nel 2018 consegue il Dottorato in Teologia e, nel corso degli anni, ha scritto numerosi saggi di spiritualità e tenuto diverse conferenze che hanno radunato molte persone.


In questo volume, una delle principali domande a cui si cerca di rispondere, riguarda la conoscenza del Dio in cui crediamo o non crediamo. Questo perché molte persone che incontriamo credono di credere oppure credono di non credere, ma quando si cerca di capire cosa vi è dietro la loro fede si hanno, perlopiù, idee confuse o comunque poco chiare. Molto spesso, anche dovuto al retaggio culturale, le persone si fanno una idea di Dio, ma che sovente non corrisponde al Dio che Gesù è venuto a raccontare.


Le nostre convinzioni sovente non ci permettono di comprendere la vera identità di Dio. Molto spesso dentro di noi vi è una Sua idea positiva. Dio è visto come una entità che porta punizione, disgrazia o controlla. Il messaggio evangelico invece vuole superare tutte queste immagini. Bisogna essere in grado di passare dal Dio che si ha nella propria testa al Dio di Gesù.


Si può dire che in gioco vi è anche la capacità di amare. Sintetizzando il messaggio dell’intera Bibbia si può affermare che si inizia con un “sei amato” e finisce con un “amerai”. L’uomo è molto bravo a sperimentare l’amore terreno, ma ha ancora poco familiarità con quello divino. Invece, Gesù è venuto proprio per dire ad ogni uomo e donna che è amato, che il Padre lo ha pensato, che viene amato a prescindere.


Ogni uomo deve imparare a riscoprire la fede intesa come evento personale e non come facciata. Questo cammino di conversione può avvenire in qualsiasi momento della vita come, ad esempio, è avvenuto a San Vincenzo de’ Paoli che si è convertito a seguito del suo rapimento da parte dei pirati.


In un periodo delicato, come quello attuale, dal punto di vista della fede, questo volume permette diverse riflessioni e, con un stile leggero e mai banale, l’autore accompagna il lettore alla comprensione del Dio raccontato dal Figlio. Un libro che consiglio non solo ai credenti, ma anche ai dubbiosi o agli atei.


 

Alcune note su Paolo Curtaz

Paolo Curtaz è nato ad Aosta nel 1965, è teologo e scrittore.

La sua ricerca unisce la meditazione della Parola alla condivisione della vita con le migliaia di persone, credenti e non credenti, che incontra ogni anno durante conferenze, pellegrinaggi, attività online e social, webinar. Ha pubblicato oltre cinquanta libri, tradotti in sei lingue. È considerato una delle voci spirituali capaci di intercettare le domande di senso dell'oggi.


TAG: #narrativa_italiana, #religione, #paolo_curtaz, #voto_cinque