RECENSIONE: Animali sciamanici di potere. Insegnamenti di guarigione dei nostri amici non umani




Autore: José Ruiz

Traduttore: Fabrizio Andreella

Editore: Edizioni Il Punto d'Incontro, 2022

Pagine: 240

Genere: Misticismo, Sciamanesimo

Prezzo: € 15.90 (cartaceo), € 10.99 (ebook)

Acquista: Libro, Ebook

Anteprima: https://cs.ilgiardinodeilibri.it/data/gallery/w850/a/animali-sciamanici-potere-don-jose-ruiz-libro-pagina-interna.jpg


 

Trama

Secondo lo sciamanismo, ogni abitante non umano della Terra è un animale di potere e ha un insegnamento da offrirci. Don José Ruiz, sciamano nagual formato dal padre don Miguel Ruiz, ci insegna come conoscerli e acquisirne la saggezza. Gli animali offrono ogni giorno profonde lezioni di vita e gli sciamani vedono l'intelligenza della natura tutt'attorno a noi, in attesa che, con il cuore aperto, ne ascoltiamo la guida. Quando rivolgiamo la nostra attenzione all'incredibile comunità della vita animale e agli insegnamenti che generosamente condivide, ci apriamo a un mondo vibrante e interconnesso, traboccante di verità spirituali e intuizioni che trasformano la vita.


Recensione

Questo libro porta un po’ di saggezza degli antichi Toltechi, in particolare di quella dell’autore, figlio di Don Miguel Ruiz, sciamano e autore del best seller internazionale I quattro accordi.


Don Jose Ruiz ha ereditato, infatti, gli insegnamenti e la saggezza degli antichi sciamani, traducendoli in concetti per la vita quotidiana, che promuovono la trasformazione attraverso la verità e l’amore.


Se c’è una cosa che sicuramente bisogna imparare dagli sciamani è il rispetto del mondo animale. Esiste una profonda connessione tra sciamano e animali, una connessione a cui l’uomo moderno e occidentale dovrebbe aspirare. La mente degli animali, spiega l’autore, ha accesso diretto alla saggezza profonda e innata e non è succube, a differenza degli umani, del parassita. Con quest’ultimo termine vengono rappresentate tutte quelle voci che dicono che non valiamo nulla e che non abbiamo alcun potere. Troppo spesso queste frasi non provengono dall’esterno, ma siamo noi a dirle. La nostra mente ci racconta storie velenose su noi stessi e spesso finiamo per prendere per vere le sue menzogne, senza riuscire a metterle in discussione. Queste voci negative generano tristezza, ansia e paure.


Nella tradizione sciamanica, gli animali vengono riconosciuti come rappresentazioni di molte forze con le quali possiamo relazionarci: ecco allora che gli animali totem non sono altro che simboli, che ci permettono di incarnare il loro potere. In altre parole, essi rappresentano spiriti guida che gli sciamani possono invocare quando devono affrontare specifiche situazioni difficili o eventi dolorosi. Le leggende narrano anche che gli antichi sciamani fossero addirittura capaci di trasformare il loro corpo fisico in quello dell’animale totem scelto.


Molti sciamani scelgono tre animali totem in tre particolari e diversi momenti della loro vita. Gli animali totem dell’autore sono: il pipistrello, il serpente a sonagli e il giaguaro. Ogni animale incarna una specifica caratteristica e può diventare una guida da invocare quando ci si trova ad affrontare situazioni particolari o a cui affidarsi nei momenti di disorientamento.


Questo volume guida il lettore alla ricerca e alla consapevolezza del proprio animale di potere. Esso è diviso in due parti. La prima dedicata agli strumenti fondamentali per lavorare con gli animali totem, mentre la seconda è caratterizzata da schede e disegni che indicano le caratteristiche di ogni animale.


In modo particolare, nella prima parte, il lettore viene guidata, pian piano, nella scoperta dei propri animali di potere. Alla fine della sezione, vi sono tre esercizi utili a questo scopo.


Un libro interessante che consiglio a tutti coloro che vogliono scoprire un popolo tanto diverso dal nostro quanto saggio da cui prendere spunto per vedere gli animali sotto una luce diversa. Una luce profonda, che guida e dona saggezza.


 

Alcune note su José Ruiz

Don Jose Ruiz è cresciuto in un mondo in cui tutto era possibile. Dal momento in cui imparò a parlare divenne un apprendista di suo padre nagual (sciamano) don miguel Ruiz e di sua nonna curandera (guaritrice) Madre Sarita.

Giovanissimo si recò in India per studiare con degli amici di suo padre, e a ventitré anni divenne il successore del lignaggio familiare.

Nella tradizione dei suoi antenati, don Jose dedica la vita alla condivisione degli insegnamenti degli antichi Toltechi.

Negli ultimi sette anni ha tenuto conferenze e guidato corsi negli Stati Uniti e nei luoghi sacri di tutto il mondo.


TAG: #misticismo, #sciamanesimo, #fabrizio_andreella, #josé_ruiz, #voto_quattro