RECENSIONE: Gianni Caproni e la conquista dei cieli (Mario Pacelli, Pietro Lonati)




Autore: Mario Pacelli, Pietro Lonati

Editore: Graphofeel, 2022

Pagine: 158

Genere: Biografie, Saggi

Prezzo: € 19.00 (cartaceo), € 4.89 (ebook)

Acquista: Libro, Ebook


 

Trama

Ascesa e declino di Gianni Caproni, protagonista della storia dell'areonautica italiana della prima metà del secolo scorso. Il libro, corredato da una accurata documentazione, narra la vicenda esemplare di un industriale italiano con un ambizioso progetto, che rimase coinvolto in numerosi scandali finanziari. La sua industria, una delle più importanti del nostro paese, non resse alla modernizzazione della produzione degli anni '50.


Recensione

Gianni Caproni è stato il pioniere dell’aeronautica militare italiana e il protagonista indiscusso dell’attività di progettazione e di produzione industriale dagli albori dell’aviazione alla seconda guerra mondiale. Gli autore che gli hanno dedicato questo hanno svolto una valida ricerca consultando numerosi archivi pubblici e privati.


Il risultato racconta la vita avventurosa di Caproni e propone una ricostruzione di storia industriale italiana che supera i confini del settore specifico, meritando di essere studiata nelle scuole di business management, per le opportunità di impresa colte, ma, soprattutto, per la rassegna delle cause delle opportunità mancate dall’industria nazionale. Caproni è stato un ingegnoso artigiano dell’aviazione, un ambizioso imprenditore e una persona di grandi relazioni, che ha avuto la fortuna di vivere nel momento giusto e, quasi, anche nel posto giusto.


Quasi, perché le carenze sociali e infrastrutturali italiane, tra cui il difetto della cultura industriale, che in altri paesi ha consentito grandi realizzazioni, ha pregiudicato non poco lo sviluppo programmato dell’attività industriale, nonostante le eccellenti capacità personali di Caproni.


La conclusione del conflitto bellico e la distruzione degli impianti segnano anche la conclusione dell’attività industriale di Caproni, ormai anziano, che si spegne nel 1957, poco prima della dichiarazione di fallimento.


Il libro si conclude con un epilogo all’italiana di questo fallimento, che, intorno ai danni di guerra, riconosciuti da una legge provvidenziale, quanto discutibile, vede all’opera personaggi di vario spessore e di varia notorietà.


Gli autori avvertono che, in merito agli esiti del fallimento, restano ancora da chiarire molti punti su uomini e cose. Non è escluso che, in futuro, qualcuno raccolga l’invito degli autori e si dedichi agli aspetti meno trasparenti della vicenda post fallimentare.


Nel frattempo, la lettura del libro, ben documentato, ma agile, consente ai curiosi di conoscere questa storia poco nota tutta italiana e agli appassionati della materia aeronautica, agli studenti di economia industriale di trovare approfondimenti meritevoli di divulgazione e di dibattito.


 

Alcune note su Mario Pacelli

Mario Pacelli è docente di Diritto pubblico nell'Università di Roma La Sapienza, per lunghi anni funzionario della Camera dei deputati. Ha scritto numerosi studi di storia parlamentare, tra cui Le radici di Montecitorio (1984), Bella gente (1992), Interno Montecitorio (2000), Il colle più alto (2017). Collabora con il «Corriere della Sera» e «Il Messaggero».


Alcune note su Pietro Lonati

Bergamasco, laureato in giurisprudenza, si è avviato alla professione legale. Nel 1986 ha incontrato il suo primo computer e da allora non si è più occupato di altro. Attualmente si dedica al software per le operazioni di borsa nei mercati finanziari.


TAG: #biografie, #saggi, #mario_pacelli, #pietro_lonati, #voto_quattro