RECENSIONE: L'allieva di Sherlock Holmes (Laurie R. King)




Autore: Laurie R. King

Traduttore: Ada Arduini

Editore: Leggereditore, 2022

Pagine: 384

Genere: Narrativa straniera, Gialli

Prezzo: € 16.00 (cartaceo), € 11.99 (ebook)

Acquista: Libro, Ebook


 

Trama

Nel 1915, Sherlock Holmes è in pensione e tranquillamente impegnato nello studio delle api da miele quando una giovane donna si imbatte letteralmente in lui, nella campagna del Sussex. Quindicenne, goffa, egocentrica e recentemente orfana, la giovane Mary Russell mostra un acume tale da impressionare persino il grande detective in un confronto arguto e di raffinata intelligenza. In principio riluttante, sotto la sua tutela, questa modernissima donna del XX secolo si dimostra un'abile allieva e una compagna degna del suo genio. Nel loro primo caso, devono rintracciare la figlia rapita di un senatore americano e confrontarsi con un avversario davvero astuto: un attentatore che ha messo in allarme gli investigatori e che non si fermerà davanti a nulla per porre fine alla loro "inedita" collaborazione.


Recensione

In questo romanzo troviamo il noto detective ormai felicemente pensionato. All’inizio dell’anno di guerra 1915, Sherlock Holmes si è ormai ritirato nella ridente campagna del Sussex. È seduto nei campi, immerso nella contemplazione del lavorio delle api da miele, quando la sua tranquillità viene interrotta da Mary Russell.


La ragazza quindicenne, goffa, decisamente egocentrica e da poco orfana, mentre cammina con il naso ficcato in un testo latino di Virgilio è quasi inciampata in uno strano personaggio. L’uomo, cinquant’anni circa, magro quasi emaciato, brizzolato, a prima vista di aspetto eccentrico, alle sue immediate rimostranze risponde con inconfondibile accento da gentiluomo inglese che non vede perché debba scusarsi di stare tranquillamente seduto sul pendio di una collina.


Questo più o meno è l’incontro scontro tra il celeberrimo investigatore e quella che diventerà la sua giovanissima allieva. Quell’incontro fortuito è destinato a cambiare la vita della ragazza.


All’inizio riottosa, ma costretta ad accettare controllo e potestà, la nostra modernissima esponente del XX secolo, in grado di districarsi con tutte le diavolerie e invenzioni del ‘900, si rivela un’apprendista ma anche una preziosa compagna e una degna risorsa per il famoso genio investigativo. Con la materna presenza di Mrs Hudson, ineffabile governante ed espediente femminile e il benefico influsso del detective, Mary Russell riesce a tirare fuori acume, fiuto e persino la sua straordinaria arguzia in grado prima di incuriosire e in seguito di sconcertare persino lui, il vecchio orso Holmes. Ma quando la precocissima Mary si dimostra in grado di eguagliarlo, tra lei e l’uomo nasce addirittura una bella amicizia.


A diciotto anni compiuti, Holmes permette a Mary Russel di iniziare a collaborare con lui su alcuni casi minori. La faccenda tuttavia funziona così bene da spingere il grande Sherlock Holmes a ritornare davvero in pista per dare la caccia ai criminali.


Il primo vero caso affrontato insieme e che mette alla prova l’allieva, è l’arduo compito di affiancarlo nelle indagini per il rapimento di Jessica Simmons, una bambina di sei anni, figlia di un senatore americano. Una questione addirittura di rilevanza internazionale. Il riscatto richiesto dai sequestratori è molto consistente. Dunque bisogna confrontarsi con avversari crudeli e pericolosi che hanno ingannato e messo sotto scacco gli investigatori.


Con il trascorrere degli anni e dopo la fine della guerra, quando il notevole contributo investigativo di Mary Russel arriva persino a contrastare le macchinazioni di una figura emergente nella malavita criminale, la nostra allieva cresciuta e ormai quasi maestra avrà alle costole un pericoloso e invisibile avversario. Qualcuno che sa esattamente quale minaccia possa diventare Mary. Qualcuno che mira solo ad eliminarla. Qualcuno che vorrebbe interrompere e distruggere a tutti i costi il collaudato sodalizio Holmes-Russel.


Il libro inizia con una prefazione per informare il lettore che questa storia non è stata scritta dall’autrice, ma ricostruita da documenti. L’autrice dichiara di avere ricevuto il manoscritto in un misterioso pacco cartonato. Pertanto, pur firmando come autrice ufficiale, non sa se gli eventi del romanzo possano essere giusti solo in parte o addirittura veri.


Mary è forse un po’ troppo perfetta, come voce narrante si lascia andare ad abbellire un po’ le cose, ma al tempo stesso imperfetta. Mary è brillante, coraggiosa, furba se serve ma quasi sempre snob e un po’ troppo intelligente persino per il suo bene, insomma una persona che pur sapendo tanto del mondo riesce a sentirsene estranea.

L’autrice, sviluppando un personaggio tanto sfaccettato, ha regalato a Holmes un partner che condivide gran parte dei suoi talenti e delle sue stranezze.

I capitoli risultano avvincenti e il dialogo è pieno di spirito. Diversi personaggi vanno e vengono, ma la storia è tutta basata su Mary e Sherlock. Le impostazioni dei vari casi sono ben congegnate e a ben vedere troviamo abbastanza, tra queste pagine, da soddisfare qualsiasi fan di Sherlock.


Il libro risulta un conglomerato dei più grandi successi dei romanzi originali di Holmes che spesso indossa travestimenti, decifra codici e analizza indizi proprio come nei libri di Doyle. Inoltre vengono citati molti personaggi significativi legati a Sherlock Holmes. Alcuni poi fanno effettivamente la loro apparizione, mentre altri sono semplicemente menzionati, ma abbastanza per dimostrare che la scrittrice non si è servita del personaggio di Doyle per vendere meglio. Lei conosce a fondo e ammira i libri di questo autore.


Un romanzo per chi adora i gialli e soprattutto il noto personaggio letterario inventato alla fine del XIX secolo.


 

Alcune note su Laurie R. King

Laurie R. King è un’autrice bestseller con oltre 30 romanzi, tra cui la serie Mary Russell e Sherlock Holmes, a cominciare dal primo volume L’allieva di Sherlock Holmes, definito come “Uno dei migliori romanzi gialli del XX secolo” dall’IMBA e ora pubblicato in questa collana. Ha vinto premi importanti come l’Agatha, l’Anthony, l’Edgar, il Lambda Literary, il Wolfe, il Macavity, il Creasey Dagger e il Romantic Times Career Achievement; ha un dottorato honoris causa in teologia ed è stata ospite d’onore in diverse convention sul mystery e sul giallo. Il secondo volume della serie Mary Russell e Sherlock Holmes dal titolo Il nuovo Tempio di Dio, è di prossima pubblicazione. Per il marchio TimeCrime (Gruppo Editoriale Fanucci) è uscito il romanzo L’uomo della verità, primo volume della dilogia Stuyvesant & Grey di cui il seguito, The Bones of Paris, sarà pubblicato entro l’anno.


TAG: #narrativa_straniera, #gialli, #ada_arduini, #laurie_r_king, #voto_quattro