top of page

RECENSIONE: Le figlie di Cartagine (Andrea Oliverio)




Autore: Andrea Oliverio

Editore: Altrevoci Edizioni, 2023

Pagine: 400

Genere: Narrativa italiana, Storia

Prezzo: € 18.90 (cartaceo), € 3.99 (ebook)

Acquista: Libro, Ebook


 

Trama

Mare Mediterraneo, 264 a.C. La prima guerra punica è alle porte. Cosa hanno in comune Elissa, una cartaginese venduta come schiava a Siracusa, e Atilia, una giovane romana destinata a unirsi al culto di Vesta? A loro insaputa, il destino delle due donne è legato a doppio filo, entrambe sono figlie dello stesso segreto che solo il liberto Satrico conosce. Elissa, promessa sposa di Amilcare Barca, un uomo che nemmeno ama, dovrà sopravvivere per non essere travolta dagli eventi innescati dal conflitto tra Roma e Cartagine. Nel frattempo, Atilia, promessa sposa di Vesta, dovrà districarsi tra gli intrighi di una Roma pericolosa e le mire ambiziose dei Cornelii. Riusciranno a sfuggire ai mille pericoli che gli dèi hanno messo sulla loro strada? E soprattutto, riusciranno a svelare il segreto che le ha sempre legate, anche quando il vasto mare Mediterraneo sembrava dividerle irrimediabilmente?


Recensione

Elissa e Atilia sono due amiche che, in apparenza, risultano molto diverse in quanto hanno origini differenti e ciò comporta anche un diverso destino. Eppure le due ragazze condividono molto più di quanto si possa immaginare e, sullo sfondo di una guerra sempre più imminente, vanno incontro al disegno che il fato ha loro destinato.


Con questo romanzo l'autore, appassionato di storia antica, dona vita ad un romanzo in cui Storia e fiction si intrecciano in maniera ideale e all’interno del quale emergono due protagoniste eccezionali: Elissa e Atilia, due giovani donne in balia di un misterioso destino, che sembrano aver perso ogni cosa e che devono dar prova di tutta la loro forza d’animo e di tutto il loro coraggio per affrontare gli eventi che le attendono e far luce sulle proprie origini.


Sullo sfondo della prima guerra punica, un momento storico poco preso in considerazione nella narrativa di genere, lo scrittore tratteggia in maniera evocativa e con grande ricchezza di dettagli scenari indimenticabili, ponendo al centro del romanzo eventi collegati a momenti storici importanti, ma anche tematiche sempre in auge quali l’amore, declinato in ogni sua forma, la ricerca della verità sulle proprie origini, l'importanza del proprio nome e dei legami famigliari.


Un romanzo che consiglio a tutti coloro che cercano un romanzo ben scritto e coinvolgente su un periodo storico poco conosciuto che risulta molto moderno e attuale.

 

Alcune note su Andrea Oliverio

Andrea Oliverio è nato e cresciuto a Milano, dove tuttora risiede, si è laureato all’inizio del millennio in scienze politiche per entrare subito nel mondo del lavoro. Dopo una breve parentesi all’estero, è rientrato in Italia, dove si è occupato di telecomunicazioni per molti. Di recente ha intrapreso una nuova sfida professionale.

Da sempre appassionato di giochi di ruolo, ma soprattutto di storia antica, settore nel quale continua a svolgere molteplici ricerche, dopo aver divorato i romanzi dei più celebri scrittori di genere, ha deciso di cimentarsi in prima persona con la scrittura.

L’inviato di Cesare (2019) è la sua prima opera, Nel Nome di Cesare (2020) ne riprende i protagonisti, scaraventandoli in nuove avventure e La figlia di Cesare (2021) chiude la trilogia ambientata durante la guerra civile tra Cesare e Pompeo. Tutti i libri sono editi da Aporema Edizioni.


コメント


bottom of page