top of page

RECENSIONE: Il mistero di Whitstable Pearl (Julie Wassmer)




Autore: Julie Wassmer

Traduttore: Silvia Salis

Editore: Time Crime, 2022

Pagine: 256

Genere: Narrativa straniera, Thriller, Gialli

Prezzo: € 16.00 (cartaceo), € 8.99 (ebook)

Acquista: Libro, Ebook


 

Trama

Pearl Nolan ha sempre desiderato diventare un’affermata detective, ma una gravidanza inaspettata quando era ancora un’adolescente ha interrotto la sua carriera nella polizia per gestire un rinomato ristorante di pesce nella cittadina costiera di Whitstable, famosa per le sue ostriche. All’età di 39 anni, con il figlio all’università, Pearl soffre della sindrome da nido vuoto, fino a quando, alla vigilia del Festival delle Ostriche, ritrova il cadavere di un pescatore del posto. Sarà stato un tragico incidente, un suicidio oppure un omicidio? Pearl coglie l’opportunità per dimostrare le proprie abilità investigative e scoprire la verità, ma ben presto entra in conflitto con l’ispettore capo di Canterbury Mike McGuire. Quando viene rinvenuto un secondo cadavere, Pearl comincia a setacciare il passato per ulteriori indizi, risvegliando i ricordi di un’estate risalente a più di vent’anni prima.Ora anche in libreria le indagini di Pearl Nolan, divisa tra il suo rinomato ristorante di ostriche e i misteri di un villaggio di mare pieno di sorprese!


Recensione

Questo libro è il primo di una serie e merita attenzione in quanto ha diversi elementi che rendono la lettura una esperienza interessante.


L’ambientazione è uno degli aspetti più intrigrante del racconto. Siamo in un piccolo villaggio inglese di pescatori, dove il ciclo della marea scandisce il tempo e la pesca delle ostriche è l’attività principale. A Whitstable, come in ogni piccolo centro che si rispetti, tutti si conoscono ma ciascuno ha i propri segreti. Così fra ristoranti, stradine affollate di turisti, e casupole di pescatori si nascondono vecchie storie e nuovi pericoli.

Per quanto riguarda i personaggi, la protagonista si chiama Pearl Nolan. Non è una mangiatrice di uomini, non è una femme fatale. È semplicemente una donna di quasi quarant’anni che ha cresciuto un figlio da sola, che per fare ciò ha dovuto mettere in standby sogni e aspettative di carriera, e che, ora che suo figlio è al college, può dedicarsi di nuovo a all'investigazione, attività che in passato ha amato. Accanto a lei, c’è sua madre Dolly, un’attempata signora un po’ hippy, tutto pepe e pettegolezzi. Non manca il protagonista maschile, Mike McGuire, un ispettore che ha lasciato Londra per sfuggire ai ricordi. È silenzioso introverso e sospettoso, ma Whitstable e le ragazze Nolan potrebbero essere in grado di cambiarlo. Un personaggio che si scopre pagina dopo pagina.

Questo romanzo è un giallo dall’intreccio piuttosto lineare, ma non scontato. Un libro intrigante, nel quale l’autrice dimostra di essere pienamente padrona del genere. Le descrizioni suggestive di Whistable e la serie di meravigliosi personaggi creati arricchiscono la trama del crime, ne esce una lettura coinvolgente, ma allo stesso tempo confortante e di piacevole intrattenimento.

Consiglio questo volume a tutti coloro che cercano un giallo classico, ambientato in un’incantevole cornice con protagonista una eroina multitasking, divisa fra invitanti sapori, crimini e segreti e l’inizio di una tormentata e stuzzicante love story.

 

Alcune note su Julie Wassmer

Julie Wassmer è nata a Londra, si é laureata alla Kingston University per poi affermarsi come autrice di fiction e telefilm, tra cui London’s Burning. Family Affairs e EastEn-ders, la popolare soap opera della BBC alla quale ha lavorato per quasi 20 anni. Nel 2015, la premiata casa editrice Little, Brown Book Group ha pubblicato il romanzo poliziesco d’esordio di Julie, Il mistero di Whitstable Pearl, seguito negli anni successivi da altri otto libri. Nel 2021 la casa di produzione Buccaneer ha trasformato la saga poliziesca in una serle tv, disponibile in Italia su Sky. La seconda stagione, di prossima uscita, verrà trasmessa sempre da Sky Italia. Vve a Whitstable insieme al marito e a due gatti.


bottom of page