RECENSIONE: Se i pesci guardassero le stelle (Luca Ammirati)




Autore: Luca Ammirati

Editore: Sperling & Kupfer, 2022

Pagine: 306

Genere: Narrativa italiana, Narrativa moderna e contemporanea

Prezzo: € 10.90 (cartaceo), € 6.99 (ebook)

Acquista: Libro; Ebook


 

Trama

Samuele è un trentenne sognatore che combatte per trovare il suo posto nel mondo. Affida le sue speranze di diventare un pubblicitario e di trovare il vero amore a Galileo, detto Leo, il suo amato pesciolino rosso. Si mantiene lavorando come reporter precario e malpagato, mentre la sera soddisfa il proprio animo poetico facendo da guida nel piccolo Osservatorio astronomico di Perinaldo, un borgo sopra Sanremo, un luogo magico per guardare le stelle ed esprimere i desideri. È proprio lì che, la notte di San Lorenzo, conosce Emma: lei lo affascina fin da subito, ma la sua vera identità resta un mistero. Quell'incontro, che durerà poche ore, lasciandogli il dubbio che sia stato soltanto un sogno, gli darà finalmente il coraggio di guardare oltre le sue paure.


Recensione

Questo libro è un romanzo che si rivolge al cuore di ognuno di noi; di chiunque ha un sogno. Una lettura assolutamente piacevole e costruttiva con dei messaggi profondi.


Tra questi vi è quello di non perdere mai la speranza nel voler realizzare i propri sogni, credere sempre in ciò che desideriamo e farlo fortemente, anche andando contro tutto e contro tutti. A volte ci giudicheranno male, ci diranno che sbagliamo a volere assolutamente qualcosa o aspirare di realizzare un sogno o di raggiungere un obiettivo. Mai mollare, ma lottare sempre. Questo in linea di massima è ciò che trasmette questo magico libro.


Il protagonista, Samuele, è un ragazzo normalissimo con i suoi sogni da realizzare e con una forza interiore che forse a volte non sa neppure di avere. E’ appassionato di stelle ed, infatti, alla sera fa la guida nell’osservatorio astronomico di Perinaldo, dove un giorno gli capita di conoscere Emma, una misteriosa ragazza che gli cambierà la vita. Infatti, quando lei sparisce, tutto nell’esistenza del ragazzo comincia a movimentarsi.


I temi trattati sono diversi, si va da quello sempre attuale del lavoro a quello delle amicizie ed ovviamente quello dell’amore. Il lettore fa la conoscenza anche dei vari personaggi che ruotano intorno alla vita di Samuele: amici, colleghi e la gentilissima signora Verrando, l’inquilina ottantenne del pianterreno e che sicuramente conquista per il suo modo garbato e gradevole di ragionare e di far reagire e riflettere il protagonista. Tutti questi personaggi risultano ben delineati.


L’autore, con una scrittura davvero scorrevole, piacevolmente cristallina e fluida cattura il lettore all’interno della storia e intrattiene con immenso piacere ed entusiasmo, oltre ad indurre a riflettere.


L’ossessione per Emma è sicuramente esagerata ma, credo che tale esagerazione sia voluta dall’autore per rappresentare il mondo agitato in cui vive il protagonista. Un mondo interiore dentro cui la paura, l’ansia e la speranza si materializzano in Emma, facendola divenire simulacro dell’animo di Samuele.


I dialoghi a cuore aperto con il pesce rosso Leo diventano momenti di riflessione anche per il lettore, il quale può ritrovarsi nei pensieri più reconditi del protagonista.


Un romanzo per tutte le generazioni, particolarmente indicato a chi vuole imparare a lasciar volare per un attimo i proprio problemi e a sollevare nuovamente gli occhi verso il cielo.

 

Alcune note su Luca Ammirati

Luca Ammirati è nato a Sanremo nel 1983, è responsabile interno della sala stampa del Teatro Ariston, dove ogni anno si svolge il Festival della canzone italiana. Ha fatto il suo esordio nella narrativa con Se i pesci guardassero le stelle, tradotto e pubblicato anche in Germania e Austria, presentato in giro per l’Italia riscuotendo il consenso dei lettori e dei librai.


TAG: #narrativa_italiana, #narrativa_moderna_contemporanea, #luca_ammirati, #voto_quattro