top of page

RECENSIONE: Watersong (Clarissa Goenawan)

Aggiornamento: 21 nov 2023




Autore: Clarissa Goenawan

Traduttore: Viola Di Grado

Editore: Carbonio Editore, 2023

Pagine: 320

Genere: Narrativa straniera, Narrativa moderna e contemporanea, Thriller

Prezzo: € 17.50 (cartaceo), € 8.99 (ebook)

Acquista: Libro, Ebook

 

Trama

Quando Shoji Arai decide di lasciare Tokyo per seguire la sua fidanzata nella cittadina di Akakawa, non sa ancora che Yoko fa un lavoro alquanto insolito: l’‘ascoltatrice’ in una sala da tè, dove riceve le confidenze di clienti facoltosi con l’obbligo di custodirle con la massima segretezza. Né Shoji può immaginare che una terribile profezia sta per compiersi: molti anni prima un’indovina gli ha predetto che incontrerà tre donne, tutte e tre con un nome che richiama l’acqua, e che nell’acqua troverà la morte… Mentre i fantasmi del passato riaffiorano, mescolandosi a sogni e presentimenti, Shoji si rende conto che forse non tutto ciò che Yoko gli ha raccontato di sé è vero. Conosce davvero la ragazza fragile e silenziosa con cui ha progettato di passare il resto dei suoi giorni? Dalla promessa della letteratura asiatica Clarissa Goenawan, un nuovo thriller enigmatico e avvincente sullo sfondo di un Giappone che intriga e affascina. Una storia di ombre e segreti, amore e rimpianto, che racconta di ciò che è perduto per sempre e di ciò che a volte, misteriosamente, ritorna.


Recensione

Questo è il secondo romanzo che leggo di questa autrice. La recensione de Il mondo perfetto di Miwako Sumida qui .


La giovane scrittrice vive a Singapore, ma i suoi romanzi sono ambientati principalmente in Giappone, anche questo titolo non fa eccezione. Il lettore si ritrova catapultato ad Akakawa, una città immaginaria del Giappone dove conosce Shoji Arai, un ragazzo che per amore segue la fidanzata, Yoko, nella città dove lei lavora. La donna svolge un impiego particolare, fa l'ascoltatrice in una lussuosa sala da tè, dove clienti d’élite si recano per essere, appunto, ascoltati, senza che il confidente possa rivelare alcunché.


Nonostante gli studi universitari, Shoji, sceglie di intraprendere lo stesso percorso lavorativo dell'amata, ma compie uno sbaglio, crea un legame emotivo con una cliente che, oltre a fare

parte dell’influente élite di Akakawa, è anche la moglie di un importante politico giapponese. Tutto ciò porta il protagonista a incrociarsi con un mondo molto più grande del proprio, fino ad essere cacciato dalla città e separato dall’amata Yoko.


In Watersong, Shouji Arai si ritrova a lavorare come "prostituta dell'orecchio" in un'insolita casa da tè. Il suo compito è ascoltare gli avventori della casa da tè, che pagano un prezzo elevato per una tazza di tè e un'ora di attenzione. Non deve considerarsi un terapista o un risolutore di problemi: è semplicemente un paio di orecchie che captano qualunque cosa dica un cliente.


Il ragazzo si ritrova coinvolto in una serie di sfortunati eventi che, però, vengono ricondotti dallo stesso Shoji a un ricordo della propria infanzia, quello di una profezia, fatta tanti anni prima da una indovina: nella sua vita incontrerà tre donne, tutte e tre con un nome che richiama l’acqua e che, nell’acqua, troverà la morte. Lasciare la città e Yoko, per il giovane significa aprire una lacerazione con il proprio sé e con il passato, ma anche una profonda riflessione sul suo rapporto con la ragazza che teme di non conoscere veramente.


Una storia ricca di suspense, ma anche caratterizzata da una continuità che trasporta il lettore a inserirsi tra la realtà dei fatti e quella costruita da Shoji . Un romanzo che è un viaggio introspettivo nella mente del protagonista, in cui pagina dopo pagina il lettore cerca, insieme a lui, una tanto agognata chiarezza che arriva solo alla fine, in una manciata di pagine. Come uno schiaffo che risveglia dall'apatia, l’enigma della storia viene spiegato e chiuso in fretta da una sorta di ritorno alla realtà chiara e limpida e che non ha bisogno di troppe riflessioni. Se tutto il libro è caratterizzato da un groviglio di pensieri che crea tensione, attesa e partecipazione attiva, il finale lascia l'amaro in bocca.


Un buon thriller che consiglio a tutti coloro che amano una scrittura di qualità che ridefinisce il genere del mistero, dimostrando che si tratta di qualcosa di più di un semplice enigma da risolvere, ma di una gamma imprevedibile di complessità umana. Una lettura interessante che genera diverse riflessioni.


 

Alcune note su Clarissa Goenawan

Clarissa Goenawan, classe 1988, è una scrittrice di Singapore nata in Indonesia. Il suo romanzo d’esordio, Rainbirds (Carbonio, 2021), selezionato per diversi premi, ha vinto il Bath Novel Award 2015. I suoi racconti hanno ottenuto numerosi riconoscimenti e sono stati pubblicati in varie riviste letterarie e antologie. Di Goenawan Carbonio ha pubblicato anche Il mondo perfetto di Miwako Sumida (2022).


Comments


bottom of page