RECENSIONE: Il cercatore di tenebre (Femi Kayode)




Autore: Femy Kayode

Traduttore: Andrea Carlo Cappi

Editore: Longanesi, 2022

Pagine: 400

Genere: Narrativa straniera, Thriller

Prezzo: € 18.60 (cartaceo), € 9.99 (ebook)

Acquista: Libro, Ebook


 

Trama

Lo psicologo forense Philip Taiwo è considerato in Nigeria uno dei più autorevoli esperti del comportamento e della violenza delle folle. È per questo che a lui si rivolge un importante manager nigeriano per indagare su un atroce fatto di cronaca che ha visto fra le vittime suo figlio: la tortura pubblica e l'omicidio di tre studenti universitari di Okriki da parte della folla. Fin dal momento in cui Philip scende dall'aereo che da Lagos lo porta nella remota cittadina, ed è investito dalla frenesia disordinata del piccolo aeroporto, si rende conto che l'indagine sarà tutt'altro che semplice. Soprattutto perché gli anni trascorsi negli Stati Uniti gli hanno fatto dimenticare gli usi e le abitudini dei suoi conterranei, il tribalismo ancora forte che regola le relazioni. Con l'aiuto del suo fedele autista personale, Chika, Philip deve lottare contro i tanti che cercano di intralciare le indagini, e più approfondisce più si rende conto che avvicinarsi alla verità è un percorso sempre più pericoloso. Ispirato a un tragico episodio realmente accaduto, Il cercatore di tenebre è un romanzo che scava alle radici più profonde del male e che spalanca le porte alla magia senza confini del­l'Africa contemporanea, raccontando tutti i contrasti col mondo occidentale e la stupefacente ricchezza di una cultura ancestrale piena di luci e di tenebre.


Recensione

Dopo una vita trascorsa in America, dove si è specializzato in psicologia, Philipe Taiwo e sua moglie sono tornati in Nigeria, patria originaria delle loro famiglie. Le discussioni tra i due coniugi, il cui rapporto sembra essere incrinato, non hanno fine con il loro ritorno al paese africano, anzi tra i due sembrano continuare ad aumentare le distanze. Philippe vorrebbe ricucire il rapporto con la moglie, ma improvvisamente viene assunto da un banchiere, Eemeka Nwamadi per fare luce su un misterioso caso di violenza. Il figlio di Nwamadi è uno dei tre ragazzi che vengono presi dalla folla della città di Okriki e barbaramente trucidati dietro una accusa di tentato furto. Taiwo non è un investigatore, ma un semplice psicologo forense eppure Nwamadi è assolutamente convinto che lo studioso possa risolvere il mistero. Inizia così il viaggio di Taiwo attraverso l’entroterra della Nigeria, nei paesi più piccoli fino ad arrivare a Okriki dove ad attenderlo c’è un mondo molto diverso rispetto a quello chee conosce e si immagina.


Il romanzo, opera prima dell'autore, parte con la descrizione di alcune scene avvenute realmente. Un video diffuso in rete e diventato noto mostra la folla linciare tre ragazzi senza che si capisca quali motivazioni muovono questa furia sanguinaria.


Come Taiwo anche il lettore resta spiazzato dalla violenza feroce e inconcepibile. Il romanzo cerca di fare luce sulla cultura africana e sulle sue sfaccettature, le sue ombre e le sue difficoltà che rappresentano qualcosa di estremamente lontano per noi. Il libro è lo specchio di un paese tanto affascinante quanto pericoloso, ricco di contraddizioni in cui distinguere il vero dal falso e il bene dal male non è mai semplice.


Il titolo originale del romanzo , Lightseekers, rende perfettamente il senso del libro: quella di Philip Taiwoo è sì la ricerca della verità sul linciaggio di tre ragazzi, ma è anche il tentativo di portare alla luce tanti aspetti sconosciuti della realtà nigeriana.


Dal punto di vista narrativo, il romanzo, procede con una scrittura sicura e lineare. Forse c’è un po’ di disequilibrio tra una prima parte dove l’indagine sembra non riuscire a trovare una svolta e la parte finale dove c’è una accelerazione brusca e dove sarebbe stato interessante dare più spazio allo sconcertante epilogo. Nonostante ciò il romanzo funziona molto bene.


 

Alcune note su Femi Kayode

Femi Kayode, nigeriano, ha studiato psicologia e si è sempre dedicato alla scrittura. Ha lavorato a lungo nella pubblicità e nella tv come autore di programmi e di sceneggiature. Il cercatore di tenebre, il suo romanzo d’esordio, ha vinto il Little, Brown Crime Fiction Award ed è stato tradotto in tutto il mondo. Vive in Namibia, con la moglie e i due figli.


TAG: #narrativa_straniera, #thriller, #andrea_carlo_cappi, #femi_kayode #voto_quattro