top of page

RECENSIONE: Il libro dei sogni (Yoshiharu Tsuge)

Aggiornamento: 20 gen 2023




Autore: Yoshiharu Tsuge

Traduttore: Vincenso Filosa

Editore: Canicola, 2022

Pagine: 224

Genere: Fumetti, Manga

Prezzo: € 19.00

Acquista: Libro


 

Trama

Pubblicati a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta e selezionati da Tsuge stesso, gli undici racconti de Il libro dei sogni sono tra i più potenti della sua intera opera. Frammenti visionari e unici che dipingono il disagio della vita nei sobborghi più poveri e i traumi irrisolti di Hiroshima. Il libro dei sogni trascina con prepotenza il lettore in un mondo dove i confini della realtà si sgretolano, lasciando affiorare pulsioni e perversioni profonde. Una nuova indagine dell'animo umano dove desiderio e ossessione, con tocco inimitabile, si mescolano al candore.


Recensione

Questo libro è una raccolta di storie, del grande mangaka, che spazia fra onirismo, psicanalisi e crudezza del vivere.


L'autore, 85 enne, è considerato il più grande autore di fumetti al mondo e un grande maestro del gekiga. Questo è un termine giapponese che definisce un genere di fumetti indirizzato ad un pubblico adulto che nasce e si sviluppa negli anni Sessanta in Giappone.


Questo è un volume imprescindibile per tutti gli appassionati del manga e della letteratura mondiale che raccoglie la serie di undici racconti che a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta hanno inaugurato la nuova stagione del manga letterario in Giappone grazie a un linguaggio di indiscutibile qualità poetica e artistica.


Il libro trascina il lettore in un mondo dove i confini della realtà si sgretolano, lasciando affiorare le pulsioni e perversioni più profonde della psiche umana. L'autore riversa le inquietudini della vita nelle metropoli giapponesi e i traumi irrisolti del tragico bombardamento di Hiroshima, il disagio delle classi meno fortunate e i sogni sfrenati degli artisti più coraggiosi della controcultura nipponica in un affresco del Giappone passato che lascia intravedere anche quello futuro.


Per quanto riguarda i disegni, lo stile, così come anche i dialoghi, risulta asciutto e affidato ad un bianco e nero pulito.


Una lettura adatta a tuti coloro che vogliono approfondire o scoprire il percorso artistico di di uno dei mangaka che hanno influenzato in maniera incisiva il panorama del manga per adulti in Giappone.


 

Alcune note su Yoshiharu Tsuge

Yoshiharu Tsuge è nato a Katsushika nel 1937, è una figura di culto in Giappone e nel resto del mondo. I suoi lavori più maturi sono considerati tra le massime espressioni del manga d’autore e influenzano da sempre fumettisti, artisti e cineasti. Tsuge muove i suoi primi passi da mangaka nel 1954 con racconti d’ispirazione noir sulla falsariga dei lavori di Yoshihiro Tatsumi e Masahiko Matsumoto che segnano il suo debutto nel mercato delle librerie a prestito. In questa prima fase realizza inoltre una serie di illustrazioni e strisce umoristiche chiaramente ispirate ai grandi classici del genere. Nel 1955, all’età di diciotto anni, pubblica “Hakumen Yakhsa”, il suo primo racconto lungo edito in formato tankobon. I dieci anni successivi all’esordio sono segnati da profonde crisi professionali ed emotive che culminano nel tentato suicidio del 1962. Il 1965 è l’anno della rinascita. Tsuge lavora saltuariamente come assistente per Sampei Shirato e Shigeru Mizuki ma soprattutto inaugura una lunga e proficua collaborazione con Garo, la seminale rivista di Katsuichi Nagai: tra l’agosto di quell’anno, mese della pubblicazione di “Uwasa no bushi”, e il marzo del 1970, produce ventidue storie che segneranno per sempre la storia del fumetto mondiale. “Nejishiki” (1967), capolavoro di surrealismo sperimentale e introspettivo, ha segnato la nascita del manga di matrice onirica e acceso il dibattito sul valore artistico e letterario del fumetto in Giappone. Nel 1972, dopo una pausa di circa due anni, torna sul mercato con storie che si allontanano dallo stile delle opere precedenti: racconti autobiografici ma anche fantasie erotiche e grottesche. Problemi familiari, e la diagnosi di una grave forma di nevrosi, lo costringono a un secondo periodo di inattività tra il 1976 e il 1982. Nel 1984 torna al tavolo da disegno per Comic Baku e tra il giugno del 1985 e il dicembre del 1986 pubblica Muno no hito (L’uomo senza talento). L’autore abbandona definitivamente il mondo del manga nel giugno del 1987 con il suo ultimo racconto “Betsuri” (distacco).


bottom of page