RECENSIONE: La nostra casa felice (Serena Ucello)

Aggiornato il: feb 19



Voto: 3/5

Autore: Serena Uccello

Editore: Perrone Editore, 2019

Pagine: 455

Genere: Narrativa moderna e contemporanea, Narrativa italiana

Prezzo: € 19.00 (copertina), € 9.99 (ebook)

Acquista: Libro, Ebook



Trama

Quando sei nella squadra mobile di Reggio Calabria, impari che seguire i silenzi è importante quanto stare dietro alle parole. Quando rincorri latitanti, impari che intrufolarti nelle vite altrui conta più che cercare indizi nelle loro case. A raccogliere questi insegnamenti è Argentina, impegnata nelle indagini nella Piana di Gioia Tauro che hanno portato alla cattura del boss Gregorio e alla fuga del figlio Domenico. La poliziotta, con l'intento di mettersi sulle sue tracce, si trova a seguire i rapporti di sangue, le diramazioni dell'albero genealogico e vede la sua stessa vita risucchiata in quel vortice di ambiguità e di bugie tanto da chiedersi chi sia davvero suo marito Antonio. Conosce Nunzia, la sorella di Domenico, e la ascolta, cerca di tracciare l'origine dei suoi pensieri e la conclusione delle sue riflessioni. Le domande di Nunzia diventano i dubbi di Argentina, così come le sue incertezze. Una forza centripeta risucchia la figlia del boss negli affari della famiglia, fino a metterla in pericolo. E in un sovrapporsi di tensioni, solo la purezza di Miriam, figlia di Nunzia, apre un nuovo squarcio. Ma quando la violenza criminale permea ogni aspetto del vivere quale salvezza può esserci? Le due donne scopriranno la necessità di un gesto definitivo e doloroso e lo intuiranno l'una nel volto dell'altra.


Recensione

Il libro narra le vite di due famiglie, all'apparenza molto distanti tra loro e appartenenti a due mondi del tutto diversi: quello della giustizia e quello della mala vita. Le vite delle due famiglie finiranno per intrecciarsi.

La narrazione segue le vicende in modo corale. I capitoli si alternano infatti tra i diversi protagonisti del romanzo. Questo ci rende partecipe dei punti di vista e dei pensieri di tutte le persone coinvolte nella storia.

Argentina è una poliziotta che, dopo il suo trasferimento da Bari, è in missione nella squadra mobile di Reggio Calabria. La vita coniugale sembra però andare pian piano sgretolandosi. Lei è infatti impegnatissima nella ricerca e cattura di Domenico, figlio del boss della Piana di Gioia Tauro, Gregorio, in carcere anche per merito suo. Domenico è riuscito a fuggire, e la ricerca richiede tempo. Antonio, marito di Argentina, è avvocato nella stessa città. Ma da un po' di tempo sembra comportarsi in modo strano, distante.

C'è anche Nunzia, l'amata figlia del boss Gregorio che, dopo la sua cattura e la fuga del fratello, deve farsi carico degli "impegni" familiari e assecondare le richieste che il padre, dal carcere, le comunica. Nunzia è cresciuta in una famiglia mafiosa, e ha visto e subito di tutto. A cominciare dal matrimonio obbligato con un uomo violento, anch'egli finito in carcere. Cetta, la madre di Nunzia, è una donna senza scrupoli e paure, capace di vendetta verso chiunque tenti di "tradire" la sua, apparentemente, unita famiglia. Maria Chiara, sorella di Nunzia, è scomparsa da tempo. E su questa triste vicenda Miriam e Pietro, i figli di Nunzia, non riescono a darsi risposte.

Nunzia però, dopo anni e anni di sopportazione, e con il padre in carcere, inizia ad aprire finalmente gli occhi e, poco alla volta, sembra arrivare a quel coraggio che le è sempre mancato. Inizia a pensare che i suoi figli non meritano di vivere quella vita indegna, fatta di paure, incertezze, rivalità mafiose, pericoli e costrizioni, e anche, soprattutto, privazioni. Loro non lo meritano. Miriam ha ormai diciotto anni. Sta per compiere l'ingresso nel mondo adulto. È un'ottima studentessa e vorrebbe iscriversi a Medicina. Ma, in quel territorio, la madre sa che mancherebbero le possibilità. Soprattutto perché, come è successo a lei, andrebbe in sposa a un mafioso della zona. Mentre Pietro, di soli dieci anni, è ancora un bambino "pulito", che rischia però di perdere la sua purezza, restando in una famiglia che ha il male addosso.

Cosa fare? Da qui, le vite di Nunzia e Argentina s’intrecceranno per sempre.

Argentina sta infatti intercettando e spiando Nunzia da ormai molti mesi, perché sa bene che l'unico modo per scovare il nascondiglio di Domenico è proprio quello di farsi aiutare dalla sorella. Inizia così a studiarne i movimenti, le chiamate, ma anche i dubbi e le incertezze, i pensieri che opprimono la vita della donna.

La storia dell’una si mescola così a quella dell’altra. Iniziano a condividere, pur se all'inizio senza saperlo, quel coraggio che le condurrà a salvare le proprie vite e i propri affetti, quelli veri.

Argentina inizia a porsi domande sulle persone a lei fidate: il marito sembra avere rapporti con gente non del tutto raccomandabile. E succedono avvenimenti in cui egli sembra in qualche modo coinvolto. In più, nella sua squadra di poliziotti, qualcuno sembra averla tradita. Se Domenico è riuscito a fuggire, è senz'altro perché qualcuno gli ha spifferato tutto.

La poliziotta inizia così ad indagare anche tra le persone a lei più vicine, scoprendo man mano che non tutto è pulito come sembra e che l’affetto, da solo, non può vincere. Serve anche la forza di prendere decisioni difficili, ma necessarie.

Poco a poco, Nunzia e Argentina si ritroveranno davanti a scelte estreme: la figlia del boss dovrà decidere se collaborare con la giustizia e salvare così lei e i figli, assicurando loro un degno futuro. Argentina dovrà cercare di mantenere intatto il suo matrimonio, anche se ciò vorrà dire allontanarsi per un po’ dal marito, che, come verrà a galla, ha contatti con quel mondo che la donna sta da sempre combattendo. Contrastare il male prima che questo entri definitivamente nella propria vita e la rovini. Questo l’obbiettivo da raggiungere.

Entrambe le donne si aiuteranno così nella difficile impresa di salvare quel po’ di amore rimasto a galla, rappresentato per Nunzia dai propri figli e per Argentina dal figlio che le arriverà, dopo averlo desiderato per tanto tempo.

Nunzia rinuncerà alla propria libertà pur di vedere i suoi figli crescere con dignità.

Argentina, dopo il lungo lavoro portato a termine, si allontanerà momentaneamente da quel mondo che tanto l’ha stremata. E si prenderà cura, fin quando sarà necessario, di Miriam e Pietro, nella loro casa felice in Toscana, lontani da quel territorio tanto amato quanto odiato.

Coraggio, fedeltà, rinuncia, violenza. Questi i temi principali trattati dall'autrice in un libro che è sì un romanzo, ma anche, e soprattutto, un percorso di redenzione. Perché è vero che Nunzia ha condotto una vita orribile, immersa nella violenza e nella distruzione (assisterà, sconvolta ma senza avere il coraggio di reagire, all'uccisione della sorella), ma è anche vero che la stessa donna, pur con mille dubbi e paure, riuscirà a uscirne e allontanarsene, anche se ciò vorrà dire rinunciare alla propria libertà. E anche Argentina si scoprirà donna capace di compiere scelte che mai prima avrebbe preso in considerazione.

Pur quindi con mille dubbi, domande, preoccupazioni, le protagoniste del romanzo si rendono conto di essere differenti. Di avere una forza interiore che le salverà nel momento in cui tutto sembra andare per il verso sbagliato. Anche se ciò significherà privazione di quella vita normale che fino ad allora hanno condotto.

Donne tenaci, perspicaci e audaci.

Un romanzo ben riuscito ai quali si spera ne possano seguire altri.



Alcune note su Serena Uccello

Serena Uccello, giornalista della redazione Imprese e Territori de Il Sole-24 ore, coordina la sezione dedicata al mondo del lavoro e dell'occupazione. Ha svolto inchieste sull'economia criminale. Per Einaudi ha pubblicato, con Nino Amadore, L'isola civile. Le aziende siciliane contro la mafia (2009), con Marzia Sabella, Nostro Onore. Una donna magistrato contro la mafia (2014) e, con Piergiorgio Baita, Corruzione (2016).


TAG: #narrativa_moderna_contemporanea, #narrativa_italiana, #serena_uccello, #voto_tre

41 visualizzazioni0 commenti