RECENSIONE: Le colpe degli altri (Linda Tugnoli)

Aggiornato il: feb 13


Voto: 3/5

Autore: Linda Tugnoli

Editore: Nord, 2020

Pagine: 378

Genere: #narrativa_italiana, #libro, #gialli

Acquista: https://amzn.to/36EwHuU


Trama

La forma a ventaglio e il colore tipico di quel periodo autunnale, un giallo così acceso da sembrare innaturale. Impossibile sbagliarsi, per un giardiniere come lui: è una foglia di Ginkgo Biloba. Ed è la seconda cosa fuori posto che Guido nota in quel giardino trascurato, parte di una grande villa abitata solo per due settimane l'anno, in agosto. La prima, invece, è stata una ragazza bionda stesa a terra, con indosso un elegante vestito lungo, dello stesso punto di blu dei suoi occhi spalancati sul nulla. Forse per colpa di quel colore che lo riporta a un passato mai dimenticato, o per quella foglia inconfondibile in un giardino senza alberi di Ginkgo Biloba – un dettaglio che Guido, per qualche strana ragione, non segnala alla polizia –, o magari per quel sentore di un profumo antico e familiare che solo lui, grazie al suo olfatto finissimo, ha percepito sulla scena del delitto, comunque sia quella ragazza sconosciuta e il suo triste destino diventano quasi un'ossessione per Guido. Sebbene abbia svariati motivi per mantenere un profilo basso, non resiste alla tentazione d'intraprendere una sorta d'indagine clandestina parallela a quella ufficiale. E il punto di partenza è proprio la foglia di Ginkgo Biloba. Perché lì, in Valle Cervo, in alcuni giardini privati in effetti ci sono degli alberi di Ginkgo. Guido inizia così un pellegrinaggio nei luoghi che lo hanno visto nascere e da cui se n'era andato per cercare fortuna in Francia, ma dov'è tornato da qualche anno per ritrovare una certa tranquillità. Una valle dimenticata dal resto del mondo e in cui pare che il tempo sia sospeso, una valle dove tutti parlano poco e non succede mai nulla. Ma dove sono nascosti segreti che non è più possibile tenere sepolti...


Recensione

Una villa abbandonata.

Un giardiniere.

Un cadavere ritrovato.

La base sulla quale Linda Tugnoli ha sviluppato la trama del suo romanzo si compone essenzialmente di tre elementi: una villa abbandonata, un giardiniere, un cadavere ritrovato. Questi sono degli ottimi elementi per un giallo.

Le indagini sulla morte di una ragazza misteriosa, ritrovata vestita con un abito d'epoca nel giardino di una villa abbandonata, appare subito di difficile risoluzione dovuta alle scarse prove e alla situazione ai limiti dell'assurdo. Il principale sospettato, almeno inizialmente, è Guido un giardiniere che si ritrova, sua malgrado, invischiato nella vicenda. E' anche l'unico in grado di notare alcuni dettagli fuori posto dei quali si serve per avviare delle indagini personali che saranno il vero fulcro del romanzo.

La storia narrata ha degli alti e bassi, in alcuni momenti è accattivante e coinvolgente mentre in altri l'entusiasmo viene un po' frenato. Nel complesso appare comunque una storia coerente ed originale. La chiave scelta per la risoluzione del caso contribuisce a dare quel tocco di mistero in più al romanzo portando alla luce una vicenda molto più complessa di quella che ci viene stata presentata all'inizio.

L'alternanza tra due vicende diverse ed i salti temporali sono stati elementi vincenti per quel che riguarda l'esperienza di lettura. Lo stile dell'autrice, molto descrittivo e ben studiato, aiuta il lettore ad immaginare perfettamente scenari e personaggi. 

E' stata una buona lettura e la consiglio soprattutto a chi vuole avvicinarsi al mondo del giallo in maniera soft.

33 visualizzazioni0 commenti