top of page

RECENSIONE: Il morso del ramarro (Valeria Corciolani)

Aggiornamento: 20 gen 2023




Autore: Valeria Corciolani

Editore: Altrevoci Edizioni, 2022

Pagine: 392

Genere: Narrativa italiana, Narrativa moderne e contemporanea

Prezzo: € 16.90 (cartaceo), € 4.99 (ebook)

Acquista: Libro, Ebook


 

Trama

Tre ricchi rampolli annoiati che scelgono il furto d'appartamento per dare un guizzo d'adrenalina alle loro giornate vuote. Un professore raffinato e burbero, un farmacista latin lover, un capitano in pensione e un vispo pescatore decisi a portare a termine la loro impresa in barba all'età. Una badante peruviana che non sa più quale sia la sua casa. Un giovane medico del pronto soccorso impegnato nella soluzione di un inquietante mistero. Una mamma single alle prese con ex marito fedifrago, suocera complice, zia anziana, nuovi amori, figlia adolescente e due gemellini terribili. Persone diverse, ma con una cosa, anzi un luogo, in comune: la palazzina liberty in cui vivono, in una cittadina di mare. Lì prendono vita e si snodano le loro storie, i personaggi si annodano, i sentimenti si chiariscono e ci accompagnano con gustosa ironia alla soluzione dell'enigma. Che era partito da un semplice ciondolo. A forma di ramarro.


Recensione

Questa è una storia corale, semplice, ma non banale.

Marisol viene da un minuscolo paese vicino a Lima e ha passato tutta la trafila di chi è arrivato in Italia alla ricerca di un futuro migliore, per sé e per i propri cari. L’incubo dei permessi di soggiorno che scadono, la ricerca di un lavoro in regola,lo sconforto, la paura di dover andare via. Di aver fatto tutto per niente. Finalmente, arrivata a Chiavari, trova un buon lavoro presso il professor Giovanni, un uomo colpito da un ictus che vive nel ricordo della moglie Aurelia, con la quale ha condiviso una vita ricca e piena d’amore. L'uomo ha tre amici, che sbaraglia a scacchi ogni giorno, in quanto la sua testa è pienamente funzionante.


Stesso pianerottolo personaggi differenti. Una famiglia a metà, visto che Leonardo il fedifrago è stato buttato fuori dalla casa e dalla sua vita da Valeria, la moglie inferocita. Che è rimasta con i figli: Anna, adolescente adorabile nella confusione che l’età le crea, e due gemellini terribili. Un medico, arrivato da Treviso, perché innamorato della fidanzata del suo migliore amico. Una decoratrice che è anche una squisita musicista. Gli amici di Giovanni che, insieme a lui, compongono un quartetto di moschettieri invincibili, nonostante l’età e gli acciacchi. Infine, i cattivi del romanzo. E sono cattivi davvero, perché la posizione di privilegio che ricoprono nella società (belli, ricchi e di ottima famiglia) li spinge alla noia e ad una carriera da furfanti. Rubano nelle case degli amici e finora la Polizia non ha trovato una sola prova dei loro misfatti.


Tutto ha inizio con i ladri che prendono di mira la casa del professor Giovanni. Questa volta, però, vengono sorpresi sul fatto e reagiscono malamente. Il professore e Marisol vengono sopraffatti ma, mentre il primo non reagisce, la donna scaglia una maledizione contro i tre che cominciano a manifestare strani sintomi fisici.

I furfanti vengono presi dal terrore e, pian piano, le loro esistenze si svuotano.


Vi è da perdere la testa con un simile miscuglio di personaggi e di vicende! Eppure, l'autrice, è abile nel dipanare una storia deliziosa che, di capitolo in capitolo, arriva al suo epilogo.


Le vicende riguardanti i vari personaggi catturano l’attenzione del lettore. La partecipazione è continua e attenta, sollecitata da un escamotage narrativo: le ultime parole di un capitolo sono quelle di apertura del capitolo successivo, anche se i personaggi che vi compaiono non sono mai gli stessi.


Un linguaggio accurato e ricco accompagna e favorisce la lettura. Alla fine del libro si ha quasi il rimpianto di lasciare questi personaggi.


Consiglio il libro a tutti coloro che cercano una giallo originale e ben scritto che riesce a toccare tematiche importanti come le problematiche adolescenziali, la solitudine e la vecchiaia.

 

Alcune note su Valeria Corciolani

Valeria Corciolani è nata e vive a Chiavari (Ge). Laureata all’Accademia di Belle arti di Genova, è scrittrice e illustratrice. All’inizio della sua carriera di scrittrice, nel 2010 pubblica Lacrime di coccodrillo, seguito da Il morso del ramarro, finalista al Premio internazionale Città di Como 2015, e La mossa della cernia. Con Acqua passata inaugura la serie della colf e l’ispettore per Amazon Publishing. Suoi racconti sono presenti in varie antologie, fra cui Taglia e cuci ne “Il Ponte” per Il Canneto, Cose d’(a)mare e Fra il dire e il mare per la Guida Liguria di Repubblica e la favola Mai perdere la testa, scritta e illustrata per Grappolo di Libri. Con l’arte e con l’inganno e Di rosso e di luce danno il via per Nero Rizzoli a una nuova serie legata al mondo dell’arte. È stata premiata “Giallista dell’anno” in occasione di GiallOrmea 2022. Da questo libro nel 2022 è stato tratto il film omonimo.


Comments


bottom of page