RECENSIONE: La balena alla fine del mondo (John Ironmonger)




Voto: 4.5/5

Autore: John Ironmonger

Editore: Bollati Boringhieri, 2021

Pagine: 416

Genere: Narrativa straniera, Narrativa moderna e contemporanea

Prezzo: € 18.00 (cartaceo), € 9.99 (ebook)

Acquista: Libro, Ebook


 

Trama

Quando un giovane uomo viene ritrovato senza vestiti e privo di sensi sulla spiaggia di St Piran, piccolo paese della Cornovaglia, gli abitanti del luogo capiscono che non sarà un giorno come gli altri. Chi è costui, e come è arrivato fin lì? E che dire della balena che il giorno dopo si arena proprio davanti alla stessa spiaggia? Presto capiamo che l'uomo, Joe Haak, è un giovane analista finanziario che ha creato un programma per prevedere l'andamento del mercato. L'idea è che tutto sia connesso con tutto, e un piccolo movimento in un posto qualunque possa generare una cascata di eventi che permettono al programma di estrapolare dati sufficienti per fare investimenti in anticipo e trarne profitto. Dopo qualche successo, il programma fallisce miseramente una previsione, facendo crollare la banca intera. Joe non regge la tensione, scappa, arriva a St Piran e decide di buttarsi in mare, dove viene salvato dalla stessa balena che lui salverà il giorno dopo. Ma grazie ai suoi studi, quando scoppia il primo caso di influenza in Asia, Joe saprà esattamente che cosa bisogna fare... Con questo romanzo divertente e pieno di calore, John Ironmonger ci racconta una storia appassionante sulle cose importanti che ci tengono insieme, e come la speranza possa essere mantenuta viva, anche quando ci sembra di essere arrivati alla fine del mondo.


Recensione

Potrebbe essere responsabilità dello scrittore moderno ingrandire, esaminare o, per lo meno, commentare la vasta gamma di cose ​​che turbano gli umani nell'era moderna. A questo proposito, sono pochissimi gli esempi che questo romanzo trascura: il picco del petrolio, il mercato azionario, l'interconnessione, gli effetti paralizzanti dell'indecisione, l'importanza e il conforto della fede e, soprattutto, il disagio.

Nel villaggio costiero della Cornovaglia di Saint Piran, viene avvistata per la prima volta una possente balenottera comune. Nello stesso momento, uno sconosciuto, nudo e privo di sensi, si ritrova sulla riva.

Lo sconosciuto è Joe Haak, un banchiere d'affari che fugge da un errore di giudizio e teme di essere costato ai suoi datori di lavoro centinaia di milioni di dollari. La sua apparizione nel villaggio è il primo dei tre momenti che riuniranno l'intera comunità, con il grande leviatano come fulcro. È facile vedere come Joe trovi rapidamente rifugio a Saint Piran, un ambiente insolitamente appartato i cui residenti comprendono un affascinante insieme di gente del posto.

Il villaggio è un contrasto ricco e avvincente rispetta alla vita di Joe che sta fuggendo. I flashback di quel mondo, una banca d'affari londinese dal ritmo serrato, sono disegnati con sicurezza e umorismo. Ironmonger non ha paura di sposare l'esistenza urbana contemporanea con la sonnolenta vita di mare e la sua prosa è senza soluzione di continuità nel suo zig-zag da Saint Piran a Londra e viceversa.

Forse i frammenti più affascinanti della vita londinese di Joe sono gli scoraggianti scambi con il suo anziano superiore, Lew Kauffman. La connessione emotiva di Kauffman con il mercato azionario è allo stesso tempo spaventosa, confusa e bella, e le sue invettive mondane e l'affetto severo per Joe creano alcune scene esplosive.

Quando Joe si stabilisce a St Piran (sviluppando rapidamente un'infatuazione per la moglie del vicario), non è in grado di lasciarsi alle spalle la sua ossessione professionale per le previsioni economiche e intraprende una missione per salvare i residenti che ora ama da un'apocalisse che ritiene inevitabile.

I meccanismi sociologici in gioco a St Piran non tornano per Joe. La sua fede nei numeri è messa alla prova da quell'imprevedibile fattore X, la natura umana. Una comunità si erge, come il grande fianco di una possente creatura marina, per realizzare ciò che la logica non avrebbe mai potuto prevedere. Prevedere il futuro basandosi sul passato è davvero un errore? La poesia può davvero essere più vicina alla verità della storia?

Ironmonger è gentile con i suoi personaggi ed è chiaro che gli piace la loro compagnia; offre una valutazione onesta dei loro difetti e dei loro pregi.

Questo romanzo è un lavoro ambizioso. E ci sono molti punti in cui un autore meno esperto sarebbe potuto cadere. In primo luogo, una narrazione che fa perno su eventi inverosimili può essere un boccone amaro da ingoiare; rischia di isolare i suoi lettori invitando a un atto di fede che non paga. In secondo luogo, è estremamente difficile fondere una serie colorata di domande controverse in un'opera di finzione senza il desiderio di essere attuali.

Ecco un'opera di finzione che evita queste insidie. I momenti più inverosimili riescono ad essere affascinanti (anche se i capitoli finali potrebbero rasentare il banale per alcuni lettori). Ed è, semplicemente, una buona scrittura. L’autore è abile nello sviluppo dei personaggi e nel strutturare la trama.

Una storia avvincente che, mentre progredisce, sviluppa in modo commovente i suoi significati più profondi .


Alcune note su John Ironmonger

John Ironmonger, nato in Kenia e zoologo di formazione, è autore dei romanzi The Notable Brain of Maximilian Ponder (2012), finalista al Costa First Novel Prize e al Not the Booker Prize, The Coincidence Authority (2013) e The Many Lives of Heloise Starchild (2020).


TAG: #narrativa_moderna_contemporanea, #narrativa_straniera, #john_ironmonger, #voto_quattro_mezzo