top of page

RECENSIONE: Le ombre bianche (Dominique Fortier)




Autore: Dominique Fortier

Traduttore: Camilla Diez

Editore: Alter Ego, 2023

Pagine: 244

Genere: Narrativa straniera, Narrativa moderna e contemporanea

Prezzo: € 18.00

Acquista: Libro


 

Trama

Come si misura una vita? Può misurarsi in poesie, allo stesso modo in cui si contano le sillabe in un alessandrino? Cosa rimane di noi quando non ci siamo più? Quando Emily Dickinson morì nel 1886, lasciò centinaia di testi scarabocchiati su ritagli di carta, che la sorella Lavinia scoprì con stupore. Ne affidò la pubblicazione a Mabel Loomis Todd, l’amante del fratello. Senza queste due donne e senza il contributo di Susan Gilbert Dickinson, cognata e amica intima di Emily, il mondo non avrebbe mai conosciuto questa formidabile opera fantasma, senza dubbio l’impresa poetica più singolare della storia della letteratura americana. Le ombre bianche riprende da dove si era interrotto Le città di carta, raccontando la storia improbabile – quasi miracolosa – di come un libro sia nato anni dopo la morte della sua autrice. In queste pagine sensibili e luminose, Dominique Fortier esplora, attraverso la poesia della Dickinson, il misterioso potere che i libri esercitano sulle nostre vite e sonda la natura fragile ma necessaria della letteratura.


Recensione

Qualche anno fa l'autrice ha pubblicato un tenero e sincero omaggio a Emily Dickinson che ha conquistato il Premio Renaudot come migliore saggio. Il titolo di questo libro è La citta di carta e potete trovare la recensione a questo link https://www.dallacartalloschermo.com/post/recensione-la-citt%C3%A0-di-carta-dominique-fortier . Con questo nuovo lavoro, l'autrice ci propone il seguito, sempre dedicato alla grande poetessa statunitense.


Alla fine del 1800, nel Massachusetts, Emily Dickinson muore dopo diversi anni di isolamento autoimposto. Il dolore è immenso per la sua famiglia. Il vuoto che lascia la sua scomparsa è popolato da innumerevoli poesie sparse su frammenti di carta, perpetuando la sua presenza. Cosa fare con questo patrimonio eclettico? La famiglia decide, all'unanimità, di pubblicare il tutto. Il compito risulta tutt'altro che facile.


È Mabel, l'amante del fratello di Emily, che si sente investita delle qualità necessarie per spianare la strada. La sua brillante carriera e la vicinanza alla famiglia le permettono di intraprendere l'attività che risulta alquanto complicata in quanto l'editore pone delle condizioni precise e non sempre le poesie risultano pienamente comprensibili.


Con grande delicatezza e in punta di piedi, l'autrice si inserisce nell'angosciante entourage della poetessa più famosa d'America, ripristina l'atmosfera cupa che caratterizza la famiglia dopo la perdita di Emily e riporta a galla segreti nascosti e rimpianti sepolti.


Un libro che permette di vedere, sentire, sperimentare il mondo di Emily Dickinson attraverso le persone a lei vicine, i membri della sua famiglia. È un mondo intriso di sensualità, spiritualità e amore. Tra le radici profonde di un'esistenza privilegiata in mezzo alla natura e l'irrefrenabile fuga verso l'intangibile e il suo prestigio.


L'autrice canadese offre ai lettori una nuova opera sensibile, dove la poesia è palpabile in ogni pagina. Una tomba piena di luce e di amore. Un dipinto vivente.


Consiglio questo libro a tutti coloro che vogliono immergersi in un mondo di neve e nuvole. Di pallore e di candore. Un universo imbottito, protettivo e quasi interamente femminile, che omaggia la grande poetessa di Emily Dickinson.



 

Alcune note su Dominique Fortier

Dominique Fortier è nata nel 1972 e vive a Montréal, nel Québec. Ha con seguito un dottorato di ricerca in Letteratura presso la McGill University ed è una stimata editor e traduttrice. Il suo romanzo d’esordio, Du bon usage des étoiles, è stato pubblicato per la prima volta in Québec nel 2008 e si è aggiudicato il Premio “Gens de Mer” del festival Étonnants Voyageurs. In Italia ha pubblicato, sempre per Alter Ego, Le città di carta (2020), opera tradotta in dodici lingue e vincitrice, nella sua edizione francese, del prestigioso “Prix Renaudot”, e nel 2021 E tutt’intorno il mare, vincitore del “Prix litt éraire du Gouverneur général”.


Commenti


bottom of page