top of page

RECENSIONE: La ragazza che rubò un elefante (Nizrana Farook)




Autore: Nizrana Farook

Traduttore: Marcella Majnoni

Editore: Emons Edizioni, 2022

Pagine: 248

Genere: Narrativa per ragazzi, Avventura

Prezzo: € 14.00 (cartaceo), € 7.99 (ebook)

Acquista: Libro, Ebook


 

Trama

Chaya, studentessa di giorno, ladra di notte, guida i suoi amici e uno splendido elefante in un'avventura rumorosa, intensa e gioiosa attraverso la giungla dello Sri Lanka dove la rivoluzione si agita silenziosa. Certo dopo il furto dell’elefante quello di rubare i gioielli della regina è un progetto un po’ troppo ambizioso che potrebbe rappresentare per l’insolita banda l'inizio o la fine di tutto… Attraverso una trama fantasiosa e mozzafiato e dei personaggi che non si fatica ad amare fin dalle prime righe, Nizrana Farook ci racconta un paese ricco di cultura e bellezze naturali a noi italiani ancora pressoché sconosciuto.


Recensione

Chaya è la versione infantile e dello Sri Lanka di Robin Hood. La ragazzina è una ladra, ma ruba solo per aiutare la gente del suo villaggio: per pagare la riparazione del tetto di Chathura; per i libri del figlio di Sumana; per il carretto delle verdure di David o per evitare che i figli di Marikkar muoiano di fame. Tuttavia, si spinge troppo oltre quando irrompe nel palazzo per rubare i gioielli della regina. Il re manda le sue guardie a saccheggiare i villaggi circostanti e non si fermano davanti a nulla pur di trovare il ladro. I gioielli vengono rintracciati, ma a pagarne il prezzo è il migliore amico di Chaya, il tredicenne Neel, che viene condannata a morte per il crimine. Chaya organizza un audace salvataggio (che include il furto dell'elefante del re) con un piccolo aiuto da parte della figlia del commerciante locale, Nour. Inseguiti dalle guardie del re, i tre bambini fuggono nella giungla e inizia così un'altra, più grande, avventura.


Questo è un romanzo è pieno di azione. Si respira questa atmosfera già dall'inizio del primo capitolo quando Chaya si confronta con una lancia di bronzo puntata al suo collo e continua con un inseguimento a rotta di collo attraverso le celebrazioni del palazzo (sfrecciando tra dolci fritti, ballerini e musicisti al clangore dei piatti e abbassandosi sotto la possente massa dell'elefante del re). A seguire viene offerta, al lettore, un'emozionante evasione dalla prigione, completa di fuochi d'artificio e diverse scene drammatiche nella giungla che includono Chaya e Nour che fuggono saltando in una cascata di ottanta piedi. Tutto ciò precede un climax ricco di azione.


Fortunatamente tutta questa azione non va a scapito né della trama, attentamente costruita, né della caratterizzazione dei personaggi. Tutti e tre i personaggi principali – Chaya, Neel e Nour – sono ben realizzati.


Mentre l'azione, la trama e i personaggi si combinano per rendere questa lettura straordinaria, l'ambientazione mistica dello Sri Lanka esplode potente fuori dalla pagine. L'autrice guida sapientemente il lettore attraverso questo esotico paese. Ogni scena, che si tratti delle celebrazioni a palazzo, del laboratorio di falegnameria di Neel o della profondità della giungla, risulta ben descritta.


Consiglio questo libro non solo ai ragazzi, ma a tutti coloro che cercano una storia caratterizzata da scenari esotici e dai risvolti inaspettati che trattengono il fiato .


 

Alcune note su Nizrana Farook

Nizrana Farook è nata e cresciuta a Colombo, nello Sri Lanka, e gli splendidi paesaggi del suo paese d'origine trovano la loro strada nelle storie che scrive. Ha un master in scrittura per ragazzi e vive nell'Hertfordshire con il marito e le due figlie.


Comments


bottom of page